Loris: conclusa arringa, sentenza il 5/7

La richiesta di assoluzione è stata ribadita, alla Corte d'assise d'appello di Catania, dall'avvocato Francesco Villardita a conclusione dell'arringa della difesa di Veronica Panarello. La donna è stata condannata a 30 anni di reclusione in primo grado per avere ucciso in casa, a Santa Croce Camerina, nel Ragusano, il figlio Loris, di 8 anni, strangolandolo con delle fascette e per avere poi gettato il corpicino in un canalone. L'imputata si è sempre dichiarata innocente. Il Pg ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado. L'udienza è stata aggiornata al prossimo 5 luglio per repliche. Poi è previsto che la Corte si ritiri in camera di consiglio per la sentenza. "Abbiamo chiesto l'assoluzione per non avere commesso il fatto - ha spiegato il penalista - anche per contraddittorietà e insufficienza della prova. E se ci fosse una sua partecipazione potrebbe inquadrarsi in un concorso anomalo. E comunque il tratto di personalità disarmonica emerso non può non fare concedere le attenuanti generiche".

Altre notizie

Notizie più lette

  1. ViviEnna
  2. EnnaPress.it
  3. Eco di Sicilia
  4. La Sicilia.it
  5. CalcioCatania.com

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Catenanuova

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...