Loris: conclusa arringa, sentenza il 5/7

La richiesta di assoluzione è stata ribadita, alla Corte d'assise d'appello di Catania, dall'avvocato Francesco Villardita a conclusione dell'arringa della difesa di Veronica Panarello. La donna è stata condannata a 30 anni di reclusione in primo grado per avere ucciso in casa, a Santa Croce Camerina, nel Ragusano, il figlio Loris, di 8 anni, strangolandolo con delle fascette e per avere poi gettato il corpicino in un canalone. L'imputata si è sempre dichiarata innocente. Il Pg ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado. L'udienza è stata aggiornata al prossimo 5 luglio per repliche. Poi è previsto che la Corte si ritiri in camera di consiglio per la sentenza. "Abbiamo chiesto l'assoluzione per non avere commesso il fatto - ha spiegato il penalista - anche per contraddittorietà e insufficienza della prova. E se ci fosse una sua partecipazione potrebbe inquadrarsi in un concorso anomalo. E comunque il tratto di personalità disarmonica emerso non può non fare concedere le attenuanti generiche".

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Catenanuova

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...